Regione Lombardia

Giovani e lavoro, la Regione deve muoversi subito

By 03/07/2013No Comments

giovaniStage retribuiti con 400 euro lorde al mese. E l’introduzione di misure di vigilanza che potrebbero portare a multe dai 1000 ai 6000 euro nei confronti delle aziende che non dovessero rispettare questo minimo salariale. Questa la proposta approdata ieri in Consiglio Regionale bocciata dalla maggioranza Lega-Pdl, su indicazione dell’assessore alla Formazione e al Lavoro Valentina Aprea. Perché anche la Lombardia dovrà adeguare le proprie leggi in materia di disciplina dei tirocini come già fatto, ad esempio, dalla Toscana. E il tempo stringe, perché la scadenza è fissata a luglio. Il primo passo lo si sarebbe potuto fare ieri mattina quando sui banchi dell’aula è approdata una mozione urgente, firmata dal Pd e dal Patto Civico di Ambrosoli, che chiedeva l’impegno della giunta Maroni a recepire le norme approvate il 17 gennaio scorso in sede di Conferenza Stato-Regioni. E su questo, nonostante il no alla mozione motivato con la volontà di trovare prima una convergenza sulle cifre con le realtà associative di settore e le aziende che vivono grossi momenti di difficoltà, noi continueremo a fare pressing.

L’approvazione di questa normativa significa far vedere che la Lombardia funziona. Dico anche che non è solo un problema di contenuti sui quali pure si possono fare riflessioni, una per tutte, il compenso lordo minimo. E ricordo che stiamo parlando di un confronto tra tre, quattro o cinquecento euro lordi al mese. Ma stiamo parlando di lavoro. Di persone senza un’occupazione che cercano un’opportunità formativa. Penso in particolare ai giovani ai quali dobbiamo poter dire: “abbiamo pensato a voi senza perdere un minuto ben sapendo dell’urgenza delle vostre attese“. Il precariato è tuttora lo stato lavorativo di tante persone anche adulte che conosco. All’interno di questa condizione lo stage ha una sua dignità particolare, anche se molto travagliata come sappiamo tutti.

Lascia un commento

© 2020 Paolo Micheli Sindaco
Mandatario elettorale
Piero Micheli