Regione Lombardia

Nessuna proroga ai PGT. Ma anche moratoria immediata

By 30/11/2013No Comments

consumo_di_suoloLe dichiarazioni odierne di Maroni sui PGT mi lasciano completamente scontento. Che la proroga fino al 30 giugno prossimo concessa ai Comuni ancora inadempienti per approvare il PGT sia l’ultima era già un impegno preso con chiarezza dal Consiglio Regionale. Maroni lo fa giustamente proprio e si impegna a nominare commissari ad acta nei comuni che a luglio 2014 non avessero ancora provveduto. Ma sopratutto né Maroni né la sua maggioranza vogliono prendere atto che nel frattempo i terreni agricoli della Lombardia sono già stati acquisiti dalle previsioni urbanistiche già approvate o in via di approvazione. Previsioni che programmano un Lombardia che avrà nel giro di pochi anni nuove edificazioni in grado di ospitare un altro milione di abitanti.

E’ una previsione assurda, dimostrazione del fallimento della LR 12 che va al più presto sostanzialmente modificata, puntando ad una sostanziale e radicale blocco del consumo di suolo.

Ma soprattutto occorre subito una moratoria che impedisca nuovi piani attuativi e fermi quelli già in corso da parte dei Comuni che, approvando i propri PGT “cementificatori”, hanno già di fatto strappato agli agricoltori migliaia di ettari di buon terreno agricolo per mantenerli incolti in attesa della loro urbanizzazione.

La crisi economica finora ha rallentato il decollo dei piani attuativi, ma nel frattempo i campi non vengono più coltivati perché il loro accresciuto valore come terreno edificabile impone che non vi siano ostacoli alla futura cementificazione.

Lo ripeto da mesi: occorre subito una moratoria sulle nuove edificazioni, dando via libera solo a quelle che riutilizzano il suolo già compromesso. Solo così l’agricoltura lombarda viene davvero salvaguardata.

Lascia un commento

© 2020 Paolo Micheli Sindaco
Mandatario elettorale
Piero Micheli