CambiamentoPolitica

Noi siamo quelli che fanno politica sorridendo

By 10/12/20122 Comments

Sarà una risata che vi seppelliràCon “un sorriso”. Così terminano tutti i messaggi di Matteo Renzi che abbiamo letto nei mesi di preparazione alla sfida delle primarie. Un saluto che era diventato tanto caratteristico da farne un tratto distintivo.

Anche noi, nelle nostro comunicazioni abbiamo imparato a concludere con il sorriso. Anche per distinguerci dai molti personaggi politici che non ridono mai e che non sanno quanto sono noiosi quelli che non sanno ridere e che anzi sono sempre arrabbiati, alla ricerca dell’avversario, del nemico da indicare come il vero colpevole di ogni disastro.

E’ stato talmente bello il nostro sorriso che se ne sono accorti in tantissimi che riconoscevano in quella firma la caratteristica di uno stile, arrivando, in alcuni casi, anche a prenderci bonariamente in giro.

Le primarie sono passate ma noi non abbiamo intenzione di smettere di divertirci perchè la politica va vissuta con determinazione, impegno ma anche con gioia e allegria. Tommaso Moro, non a caso il santo protettore dei politici, diceva nelle sue preghiere: «Beati quello che sanno ridere di se stessi, perché non finiranno mai di ridere».

Mi vengono in mente due sorrisi diversi ma altrettanto stupendi. Quello di un documentario politico e poetico che ho visto qualche anno fa, “Primavera in Kurdistan” che narra del viaggio di alcuni curdi dal Nord dell’Iraq verso il confine con la Turchia. Una cosa costituiva il filo conduttore del film: il volto sorridente delle donne curde. Andate a recuperarlo, se vi capita.

E poi il sorriso di Giovanni Falcone, nella cui biografia si legge che «era un giudice, ma soprattutto un uomo, un uomo allegro. Dotato di una risata che gli illuminava il viso. E quando rideva, la sua allegria, che era allegria e freschezza d’animo, voglia di vivere, lo prendeva tutto, fino a scuoterlo nel profondo. I suoi baffi ridevano, il suo naso rideva, i suoi occhi ridevano, felici. La sua anima sorrideva».

Troppi nostri politici, locali e nazionali, non sanno ridere. Troviamo, ad esempio nelle loro pagine di Facebook, tante dichiarazioni livorose venate da rancore. Sembra mancare loro la capacità di uscire dal proprio angolo, dalla propria parte per mettersi nei panni dei molti cittadini che la pensano diversamente. Poi quando ottengono risultati scadenti, arrivano a negare l’evidenza, o peggio, arrivano a sostenere che gli elettori sono stati stupidi o li hanno fraintesi, invece di chiedersi dove hanno sbagliato. Ecco invece un’altra qualità di Matteo Renzi che abbiamo imparato a apprezzare quando, nel discorso nella sera della sconfitta alle primarie ha detto: “Ho perso io“. Dimostrando di saperci mettere la faccia e di sapere guardare negli occhi e sorridere non solo nel momento dell’entusiasmo ma anche in quello della delusione e della sconfitta.

Così, se ci chiedono chi siamo noi che abbiamo sostenuto Matteo Renzi, penso che possiamo rispondere: siamo quelli che fanno politica sorridendo.

Il 2 dicembre scorso a Milano c’è stato l’incontro del coordinamento provinciale del Comitato Per Matteo Renzi; è stato bello vedere che sui volti dei volontari, nonostante le ore di lavoro e la delusione per la sconfitta, c’erano il sorriso e la felicità del trovarsi assieme. Sconfitti ma allegri e pronti a ricominciare.

Mi sembra che a sostenere Matteo si sia riunita tanta gente che vuole affrontare la politica senza rabbia, il mondo ne è già pieno. Che vuole continuare l’impegno nella politica con tenacia, determinazione e soprattutto con il sorriso. Ci sembra un bel modo per provare a cambiare la politica italiana.

Un sorriso (ovviamente).

2 Comments

  • Barbara Bruzzesi ha detto:

    Sono stata una dei pochissimi ammessi “ufficialmente” al voto del ballottaggio; ho 55 anni e per la prima volta nella mia vita ho dato un voto a sinistra.Mi piace Matteo e il suo programma, sorrido con voi….

  • laura ha detto:

    Sorrido con voi ma se appoggiate ( il vecchio) Bersani non sorrido più.

Lascia un commento

© 2020 Paolo Micheli Sindaco
Mandatario elettorale
Piero Micheli